Vita dell'artista: Wassily KANDINSKY

Wassily Kandinsky
(1866-1944)

Nasce a Mosca il 4 dicembre 1866, nella famiglia di un commerciante di tè.
Quando i suoi genitori si separano, è la zia a prendersi cura della sua educazione. Già a dieci anni prende le sue prime lezioni di disegno e di musica.
Dopo gli studi di giurisprudenza, decide di dedicarsi alla pittura. All’età di trent’anni, si trasferisce a Monaco, dove frequenta l’accademia.
Dal 1901 al 1904 fa parte del gruppo artistico “Phalanx”. Negli anni successivi, viaggia e risiede all’estero: trascorre anche un anno a Parigi.

Gli anni 1911 e 1912 sono fondamentali nella vita e nell’evoluzione artistica di Wassily Kandinsky. Incontra le personalità artistiche più in sintonia con la sua visione dell’arte: Franz Marc e Paul Klee. Insieme a loro fonda l’almanacco “Der Blaue Reiter”, che significa “Il cavaliere azzurro”, figura simbolo di libertà e spiritualità, e l’azzurro è il colore prevalente nelle opere del gruppo.
Il primo numero di questo giornale esce nel 1912, e in copertina c’è la riproduzione di un acquarello di Kandinsky, che raffigura proprio un cavaliere azzurro un po’ stilizzato.
Verso il 1912 comincia la sua evoluzione verso l’astrattismo, con la realizzazione del Primo acquerello astratto (1910 o 1913).
Negli anni 1911-14 Kandinsky realizza molte delle prime Komposition (Composizioni) e delle Improvisation (Improvvisazioni).

Nel 1914, allo scoppio della prima guerra mondiale, Kandinsky torna in Russia. Qui viene nominato professore dei Laboratori artistici di Stato (1918).
Le opere del periodo mostrano uno stile sempre più geometrico e meno espressionista.

Nel 1921 fa ritorno in Germania con la seconda moglie Nina. Viene chiamato alla famosa scuola tedesca di design moderno, il Bauhaus.
L'insegnamento al Bauhaus è una delle esperienze chiave nella vita dell’artista. Kandinsky vi trascorre più di dieci anni. Accanto a lui insegna anche l’amico Paul Klee.
Al Bauhaus Wassily Kandinsky tiene il seminario sul colore nell’ambito del corso propedeutico. Insegna anche pittura murale. Durante l’insegnamento, la sua pittura assume un’impronta geometrica, dominata dalle proprietà dinamiche della linea, del punto, delle superfici e dei diversi colori.

Con l’avvento del nazismo il Bauhaus viene chiuso.
Le opere di Kandinsky, presenti in abbondanza nei musei tedeschi, vengono sequestrate. Ma Kandinsky aveva già abbandonato la Germania nel 1933, per trasferirsi a Neuilly-sur-Seine, vicino a Parigi. Qui trascorre gli ultimi 10 anni di vita in modo tranquillo.
Wassily Kandinsky muore a Neuilly-sur-Seine nel 1944.

Alcune opere significative dell'artista:
Montagna, 1909
Combattimento, 1910-11
Dipinto con arco nero, 1912
Piccole gioie, 1913
Ovale rosso, 1920
Giallo, rosso, blu 1925