Ora sono felice

Quando, veramente, possiamo dirci felici?

Antoinette Portis, ORA SONO FELICE, Edizioni Terre di Mezzo, 2018

La protagonista di questo albo illustrato ci mostra i suoi momenti preferiti, gli oggetti preferiti, le sue azioni preferite. Scopriamo così che sentire la brezza tra i capelli, scavare una buca, osservare le nuvole in cielo, seguire con lo sguardo la barchetta di carta portata via dalla pioggia, annusare i fiori, ma anche cantare, bere e mangiare, sono istantanee di pura gioia. La cosa più amata, allora, è quella vissuta in un preciso momento, con una predilezione maggiore per l'attimo presente condiviso con chi si ama.

CHIAVE DI LETTURA

I bambini vivono il qui e ora con naturalezza, sanno assaporare meglio degli adulti gli istanti di felicità che provengono dall'immersione totalizzante del presente. Nello scorrere del tempo, ogni cosa è vissuta con consapevolezza e vivida attenzione, senza attese, preoccupazioni e inutili aspettative. Anche ogni adulto che sorride al bambino che è dentro di sé può facilmente riconnettersi alla felicità.

Maria Lunelli, bibliotecaria e membro di redazione di Nati per leggere