Sono una selvaggia

Com'è la vita di una selvaggia?

Irene Biemmi, SONO UNA SELVAGGIA, Illustrazioni di Ilaria Urbinati, Edizioni Erickson, 2018

Anna è una bambina che vive in modo selvaggio, così almeno dice lei. Al mattino si sveglia presto e comincia la giornata con un'energia travolgente. Saluta mamma e papà che ancora dormono, mangia con foga la sua colazione, si veste in modo particolarmente selvaggio e raggiunge la scuola sfrecciando sulla sua bicicletta. Il tempo per cercare di stare seduta composta, e anche la scuola in un baleno lascia il posto ad un pomeriggio avventuroso all'aria aperta con le amiche e il cane. A sera Anna è selvaggiamente stanca e dopo un'abbuffata di abbracci, coccole e qualche pagina del suo libro preferito, crolla in un sonno profondo e sogna. Cosa sognerà una piccola donna così selvaggia?

CHIAVE di LETTURA

Anna non è un maschiaccio, è semplicemente una bambina allegra e vivace. Vive con intensità ogni momento della giornata; è felice e libera di essere così com'è, senza necessariamente dover fare qualcosa di speciale o pericoloso, o dover dimostrare chissà quali abilità. È autentica e genuina e ci regala un sorso di allegria e leggerezza selvaggia, naturalmente.

Maria Lunelli, bibliotecaria e membro di redazione di Nati per leggere